Casa legislatori vogliono risposte da parte di Google sul censura Cinese del motore di ricerca

0
15

Dal momento che la notizia il mese scorso che Google sta lavorando su un censurato motore di ricerca per il mercato Cinese, la società ha affrontato inesorabile critiche da parte dei legislatori. Nell’ultima domanda, un gruppo bipartisan di 16 i rappresentanti di Casa è alla ricerca di risposte su l’ancora reticente piano.

Il progetto ha acceso polemiche

Per il lancio del progetto, secondo quanto riferito chiamato Libellula, Google dovrebbe cooperare con il governo Cinese stretta sorveglianza e misure di censura, una prospettiva che ha acceso polemiche dentro e fuori l’azienda. Il mese scorso, un gruppo bipartisan di senatori ha inviato una lettera al CEO di Sundar Pichai sul progetto, ma la sua risposta è stato fatto saltare come insufficiente.

La critica della società, ha solo accelerato dal. Google si è rifiutata di rendere top manager disponibile per una Intelligence del Senato audizione della Commissione di social media all’inizio di questo mese, portando a una sedia vuota durante l’udienza. Presidente Trump ha anche recentemente addebitato l’azienda con dubbie affermazioni di pregiudizi contro i conservatori.

Ieri la lettera, rivolta anche a Pichai, domande decisione di Google di tornare in Cina dopo l’uscita nel 2010. Da quel momento, il legislatore scrivere, il governo, le pratiche di monitoraggio sono solo cresciuto, anche dopo essere stato “abbastanza robusto.”

“Come responsabili politici, abbiamo la responsabilità di garantire che le aziende Americane non sono perpetuarsi di abusi dei diritti umani all’estero, e per garantire che le nostre e regolamentare i sistemi sono in grado di affrontare le mutevoli ambienti di lavoro” si legge nella lettera.

I legislatori stanno chiedendo maggiori dettagli sui piani dell’azienda. Tra le domande per la società: quali restrizioni si è posto sui motori di ricerca? E se Google lascia la Cina nel 2010, perché ha deciso di spostare indietro ora?

Google non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento.